Cenni Storici

L’Italia entrò in guerra con l’Austria il 24 maggio 1915, ma le opere di fortificazione a cavallo del Tonale erano iniziate, soprattutto da parte austriaca, da molti anni.
In pochi giorni gli Austriaci occuparono la Conca del Presena, lasciata libera dagli Italiani alla vigilia dello scoppio delle ostilità.
Il comando italiano ritenendo, giustamente, la posizione del Presena importante ai fini strategici, tentò un primo attacco in forze (giugno 1915) che però falli miseramente.
Nell’agosto dello stesso anno, grazie ad un’azione meglio coordinata condotta durante la notte, con vari gruppi di Alpini che partirono dal Rifugio Garibaldi e dalla Valle Narcanello, gli Italiani riuscirono a conquistare quasi tutta la cresta dal Castellaccio a Cima Payer.
I mesi successivi furono utilizzati per fortificare tutta la cresta lungo la quale si svolge oggi il “Sentiero dei Fiori”.
Per tre anni Austriaci e Italiani mantennero le postazioni ai lati della Conca del Presena, gli Austriaci ad est, gli Italiani a ovest, fino all’azione decisiva, svolta dagli Italiani il 25 e 26 maggio 1918, che preluse alla fine del primo conflitto mondiale.
Il tracciato attuale del “Sentiero dei Fiori” ricalca fedelmente la principale via di comunicazione utilizzata dagli Alpini per mantenere i collegamenti durante il conflitto, mentre lungo tutto il percorso sono osservabili i resti delle fortificazioni e dei baraccamenti che permisero ad una guarnigione, che spesso superò le 1000 unità, di rimanere ad oltre 3000 metri di quota anche durante i periodi invernali.
Il Parco dell’Adamello ha ottenuto dalla Regione Lombardia un finanziamento per la messa in sicurezza, il ripristino e la valorizzazione del sentiero d’arroccamento e dei manufatti militari presenti lungo il percorso. Le opere, eseguite dalle Guide Alpine di Valle Camonica, sono state concluse nel 2005.
Il sentiero è ora attrezzato e percorribile, con adeguato aquipaggiamento e l’aiuto di una Guida Alpina, da chiunque.
Lungo il percorso numerosi cartelli esplicativi mostrano in dettaglio le battaglie che avvennero nelle varie postazioni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *